PAPNext è la nuova frontiera nella diagnosi precoce del tumore dell’endometrio e dell’ovaio e consiste nello screening del DNA tumorale.

Il pap test tradizionale ha rivoluzionato la storia naturale del tumore del collo dell’utero, permettendo di individuare e quindi trattare le alterazioni pre-tumorali (displasie) prima che diventino un cancro. Purtroppo non è utile per lo screening dei tumori dell’endometrio e dell’ovaio.

Da alcuni anni il pap test su vetrino è stato affiancato da quello in fase liquida per la ricerca del DNA del papillomavirus (HPV), responsabile del tumore cervicale.

papnext-screening-endometriosiRecentemente i ricercatori hanno pensato di sfruttare quel DNA con l’impiego delle tecniche di sequenziamento del genoma (NSG) per rilevare mutazioni somatiche correlate a DNA tumorale presente nelle rare cellule di tumori dell’endometrio e dell’ovaio che si depositano nella cervice di donne con cancro già diagnosticato.

Questa tecnologia si è dimostrata in grado di individuare oltre il 90% dei tumori dell’endometrio e quasi la metà di quelli dell’ovaio, molto spesso in fase precocissima. Invece non sono state rilevate mutazioni nelle donne non affette da cancro, conferendo al test una specificità altissima.

Il PAPNext trova indicazioni nelle portatrici note di mutazioni che predispongono a tumori ginecologici (es. BRCA 1 e 2), in presenza di sanguinamenti atipici o obesità in perimenopausa, di un’ecografia ginecologica sospetta e in caso di familiarità per tumori dell’endometrio o dell’ovaio. Il test di screening è indicato anche a tutte le donne che desiderano eseguire uno screening più approfondito e possono sottoporsi a questo esame in occasione del pap test.

Scarica la brochure